Salvatore Stefanelli (Totu Stompamiju), emigrante in Svizzera, negli anni 60, in diversi momenti del uso lavoro

Leggi tutto: In Svizzera, anni 60

Mio nonno,Nzino Sciumbarruto ,lavoratore stagionale a Berna,in Svizzera,nel 1965



Da sx Giovanni Piccinno, Giustizieri Margherita, dietro Luigi (idraulico) e Roberto Piccinno (ferramenta), Concetta Doria, Maria Teresa Tramacere......

Leggi tutto: Invitati matrimonio in Svizzera 25.07.1964

Nel 1936,con la proclamazione dell'Impero da parte di Mussolini,iniziò una vera e propria migrazione degli Italiani verso l'AOI (Africa Orientale Italiana) e in modo particolare verso l'Eritrea. Mussolini intendeva creare una vera e propria Italia d'oltre mare,dirottando i flussi migratori fino allora orientati all'estero , verso le colonie,garantendo uno sbocco di lavoro sicuro e nuove opportunità a migliaia di italiani disoccupati. Tra i tanti italiani diretti in Africa come "coloni",c'era anche il mio nonno paterno : Giuseppe Bruno,suo fratello Salvatore (che rimase solo pochi mesi),i cugini Nicola e Salvatore Bruno(quest'ultimo si stabilì ad Asmara e vi rimase fino al colpo di stato del '74). Si imbarcarono su di un piroscafo che partiva  da Napoli e sbarcava a Massaua. Da lì raggiunsero Asmara,mio nonno poi si trasferì a Barentù nel Bassopiano Occidentale eritreo nella Regione del Gasc,dove lavorò come infermiere nel piccolo presidio medico italiano. Nel 1941 ,fatto prigioniero dagli inglesi ,fu trasferito a Nanyuki, un campo POW nei pressi di Nairobi in Kenia (lì morì il Duca d'Aosta) dove incontrò due paesani : Pippi Manta e ..Carallo.Furono liberati e rimpatriati nel 1946. Mio nonno non dimenticò mai la sua Africa,sognava di rivedere almeno una volta prima di morire, quei luoghi in cui aveva vissuto per tanti anni ....si era ammalato inesorabilmente di "mal d'africa"

Mio nonno in groppa ad un cammello.......

 

Leggi tutto: Barentù....Eritrea 1936

 

 

Joomla templates by a4joomla